Inter × nella web dei tifosi dell' Inter.
Inter
La rete sociale dei tifosi dell'
Inter

pablo daniel osvaldo

Prima di creare un nuovo articolo, accedi al motore di ricerca e controlla che non ci sia già l'articolo che vuoi creare. Se non esiste crealo e se esiste già puoi editarlo per aggiungere l'informazione che non abbiamo. Grazie!

Denuncia

Per favore indica il motivo per il quale vuoi denunciare l'articolo.

Per favore, copia/incolla il paragrafo che stai denunciando per localizzare il testo nell'articolo. Grazie.

pablo daniel osvaldo

Invia ad un amico

Pablo Daniel Osvaldo


Pablo Osvaldo
Pablo Daniel Osvaldo BGR-ITA 2012.jpg
Osvaldo nel 2012 con la maglia dell'Italia
   
Dati biografici
Nome Pablo Daniel Osvaldo
Nazionalità Argentina Argentina
Italia Italia (dal 2007)
Altezza 182 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Inter Inter
Carriera
Giovanili
1995-1999
1999-2000
2000-2005
Lanus Lanús
Banfield Banfield
Huracan Huracán
Squadre di club1
2005 Huracan Huracán 33 (11)
2005-2006 Atalanta Atalanta 3 (1)
2006-2007 Lecce Lecce 31 (8)
2007-2009 Fiorentina Fiorentina 21 (5)
2009-2010 Bologna Bologna 25 (3)
2010-2011 Espanyol Espanyol 44 (20)
2011-2013 Roma Roma 55 (27)
2013-2014 Southampton Southampton 13 (3)
2014 → Juventus Juventus 11 (1)
2014- → Inter Inter 10 (5)
Nazionale
2007
2007-2008
2008
2011-
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
Italia Italia Olimpica
Italia Italia
1 (0)
8 (1)
4 (1)
14 (4)
Transparent.png Torneo di Tolone
Oro Tolone 2008
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.

Statistiche aggiornate al 7 dicembre 2014

Biografia

Dal matrimonio con Ana, concluso con una separazione, ha avuto un figlio di nome Gianluca; ha altre due figlie, Victoria e Maria Helena, avute dalla relazione con la fiorentina Elena Braccini. Successivamente si è legato all'attrice Jimena Barón dalla quale, nel marzo 2014, ha avuto il suo quarto figlio, primo della coppia.

Caratteristiche tecniche

Attaccante moderno rapido e tecnico nei movimenti, nel suo repertorio spiccano il colpo di testa, il tiro da fuori area e la rovesciata. Abile con entrambi i piedi, sa dribblare e servire ottimi assist ai compagni. Gioca spesso di sponda per far salire la squadra. L'allenatore Zdenek Zeman lo ha definito una forza della natura.

Carriera

Club

I primi anni e l'arrivo in Italia

Inizia nel 1995, a 9 anni, nel settore giovanile del Lanús. Nel 1999 si trasferisce al Banfield e l'anno successivo all'Huracán, squadra di Buenos Aires, sempre nelle giovanili.

Nel 2005 esordisce in prima squadra, nel campionato di seconda divisione, collezionando 33 presenze e 11 gol.

Nel gennaio 2006 arriva in Italia, all'Atalanta, giocando 3 partite nelle ultime giornate della stagione (in Serie B) e segnando un gol.

Nell'estate 2006 viene ceduto in comproprietà al Lecce, sempre in Serie B, dove segna il primo goal in Lecce-AlbinoLeffe il 9 settembre 2006. La prima parte della stagione lo vede titolare con l'allenatore Zdeněk Zeman, che era rimasto colpito dal giocatore vedendolo nella gara del campionato primavera tra Atalanta e Brescia un anno prima. Dopo 18 giornate del campionato 2006-2007 Zeman viene esonerato e sostituito dal nuovo tecnico giallorosso Giuseppe Papadopulo, che lo impiega raramente e col quale non riesce a mettersi in luce.

Fiorentina

 
Osvaldo nel 2007, nel giorno del suo debutto con la maglia della Fiorentina, contro ilLivorno.

Nell'estate seguente la risoluzione della sua compartecipazione ha esito positivo per l'Atalanta, che riscatta il calciatore a titolo definitivo per 1,6 milioni di euro, per poi cederlo nell'agosto 2007 alla Fiorentina per 4,5 milioni di euro, con cui sottoscrive un contratto con scadenza nel 2012.

Il 29 settembre 2007 debutta in Serie A con la maglia della Fiorentina e segna unadoppietta in trasferta contro il Livorno nella partita vinta per 3-0. Il 29 novembre segna il primo gol in Coppa UEFA al 29' in casa dell'AEK Atene che pareggia dopo quattro minuti dalla sua rete; il risultato finale è stato di 1-1 che contribuì alla qualificazione dei viola ai sedicesimi. Il 2 marzo 2008 segna, all'ultimo minuto del recupero, il gol della vittoria per 3-2 della Fiorentina in casa della Juventus, vittoria che mancava da vent'anni (dal maggio 1988); nell'occasione viene anche espulso per somma di ammonizioni. All'ultima giornata del medesimo campionato di Serie A 2007-2008, ancora in trasferta a Torino questa volta contro il Torino (1-0), Osvaldo segna con una rovesciata che regala alla Fiorentina il quarto posto in campionato, con qualificazione al terzo turno preliminare della UEFA Champions League.

 
Osvaldo alla Fiorentina nel 2008, nella sfida di Coppa UEFA contro l'Everton.

Nella stagione 2008-2009 esordisce nella prima giornata di campionato, il 30 agosto 2008, nella gara pareggiata 1-1 contro la Juventus. Questa stagione si rivela meno fortunata della precedente e Osvaldo non viene impiegato con continuità, rimanendo spesso in panchina. Nella stessa stagione esordisce per la prima volta in Champions League nella partita pareggiata per 1-1 contro il Bayern Monaco del 5 novembre 2008.

Conclude la sua esperienza fiorentina con 21 presenze e 5 gol.

Bologna

il 20 gennaio 2009 il Bologna annuncia l'acquisto a titolo definitivo del giocatore per 7 milioni.[19] Esordisce in rossoblù, con la maglia numero 99, il 28 gennaio 2009 in Atalanta-Bologna, partita vinta 1-0 per i bolognesi.[20] Si infortuna nella gara persa 1-0 contro l'Udinese a febbraio.[21] Ritorna in campo il 14 marzo nella gara persa per 4-1 contro la Juventus, subentrando al compagno Bombardini al 29º minuto di gioco. Segna il primo gol coi felsinei nell'incontro della prima giornata della Serie A 2009-2010, il 22 agosto 2009, proprio contro la sua ex squadra, la Fiorentina. Il resto della stagione lo vede spesso in panchina, e nel mercato di gennaio viene ceduto in prestito oneroso (200.000 euro) all'Espanyol sino al termine della stagione.

Conclude la sua esperienza bolognese con 25 presenze e 3 gol.

Espanyol

Nel calciomercato 2010 viene riscattato dal club spagnolo per 5 milioni di euro. Debutta con la sua nuova squadra il 16 gennaio, nella partita persa 2-0 contro l'Osasuna. In questa stagione si rende protagonista di notevoli prestazioni. Il 24 gennaio 2010, giorno della sua seconda apparizione con il club spagnolo, sigla la sua prima rete nella partita pareggiata 1-1 contro il Mallorca. Il 20 marzo 2010, nella gara contro il Sevilla, segna una doppietta e viene nominato miglior giocatore del match. Durante la prima stagione con il club spagnolo, Osvaldo segna 7 gol in 20 presenze.

Nella seconda stagione con il club spagnolo continua a rendersi protagonista di ottime prestazioni. Il 29 agosto esordisce nella prima giornata di campionato e segna una doppietta ai danni del Getafe; la gara terminerà 3-1. Il 15 gennaio 2011 s'infortuna e torna tra i disponibili solo il 15 marzo seguente. Nonostante questo infortunio, però, Osvaldo recupera immediatamente, tanto da concludere la stagione segnando 13 gol in 24 partite.

In totale con la maglia biancoblù riesce ad andare a segno 22 volte in 47 partite.

Roma

Il 25 agosto 2011 passa a titolo definitivo alla Roma, che versa 15 milioni di euro nelle casse dell'Espanyol pagabili in tre rate annuali, più eventuali bonus per un massimo di altri 2,5 milioni di euro.

 
Osvaldo esulta dopo un gol con laRoma, nella stagione 2011-2012.

Gioca la sua prima partita in maglia giallorossa l'11 settembre 2011, al debutto stagionale contro il Cagliari all'Olimpico, venendo sostituito nel secondo tempo da Fabio Borini; la partita terminerà 2-1 in favore dei sardi. Segna il suo primo gol con la maglia giallorossa il 22 settembre 2011 contro il Siena. Il 25 novembre 2011, dopo la sconfitta contro l'Udinese, Osvaldo si è lamentato per un mancato passaggio del compagno Erik Lamela e, negli spogliatoi, ha dato un pugno al volto del giocatore. Il 4 gennaio 2012, durante la sessione di allenamento pomeridiana, riporta una lesione muscolare di secondo grado alla coscia destra, che lo costringerà a stare lontano dai campi da gioco per circa un mese. Conclude la sua prima stagione in giallorosso con un totale di 11 gol e 26 presenze.

Il 26 agosto 2012 nella prima giornata del campionato di Serie A 2012-2013 segna con una rovesciata il gol del momentaneo 1-1 nella sfida interna contro il Catania, partita che terminerà con il risultato di 2-2. Si ripete il 2 settembre successivo, segnando all'Inter il definitivo 3-1. Il 21 ottobre 2012 segna una doppietta, la prima in giallorosso, contro il Genoa, gara terminata 4 a 2 per i giallorossi. Il 20 dicembre 2012 viene squalificato per tre giornate per aver colpito volontariamente un avversario con una gomitata al volto durante la gara di Coppa Italia contro l'Atalanta. Il 28 aprile 2013, nella partita vinta per 4-0 contro il Siena, segna la sua prima tripletta in carriera. Segna il suo ultimo gol in maglia giallorossa nella partita vinta 1-0 contro la Fiorentina del 4 maggio. Il 26 maggio ritorna per la finale di Coppa Italia (vinta dalla Lazio per 1-0) dopo aver scontato le giornate di squalifica. Al termine della gara, Osvaldo lascia il campo inveendo contro il tecnicoAndreazzoli per avergli concesso poco spazio nella partita. L'attaccante, inoltre, non si presenta neppure alla premiazione di Coppa Italia, momento nel quale i suoi compagni vengono insigniti con la medaglia del secondo classificato. Il giorno seguente, inoltre, twitta una frase contro l'allenatore ("Facevi più bella figura se ammettevi di essere un incapace... Vai a festeggiare con i laziali va"), che suscita enorme scalpore e gli costa la convocazione per la Confederations Cup di quell'anno. Conclude la stagione con 16 gol in 29 presenze.

 
Osvaldo in allenamento con la Roma nel precampionato 2012

Ad agosto 2013 scende in campo con la Roma nell'amichevole estiva contro il Chelsea, al RFK Stadium di Washington. Poco prima dell'inizio del campionato, tuttavia, Osvaldo ammette di non essere più felice con la squadra, soprattutto a causa dei numerosi dissidi avuto con la società e la tifoseria romanista: «La maggioranza dei tifosi della Roma mi ha sempre sostenuto e dimostrato affetto, lo ha fatto anche con i miei compagni quando le cose non andavano bene. C'è modo e modo di vivere il tifo, alcuni non lo fanno nel modo giusto, e per fortuna sono pochi. Ma io non potevo più stare a Roma e subire minacce, cattiverie, scritte e insulti sotto casa. Anche perché non ho fatto nulla per meritarmeli. Non è normale trovarsi scritte ingiuriose sotto casa, ma in Italia purtroppo facciamo ben poco per contrastare fenomeni del genere». Conclude, così, l'esperienza giallorossa, disputando in totale 55 partite e segnando complessivamente 27 gol in campionato.

Southampton

Il 18 agosto 2013 passa al Southampton per 15,1 milioni di euro più 2 milioni di bonus alla Roma. L'attaccante italoargentino diventa l'acquisto più costoso nella storia della squadra inglese. L'attaccante è stato fortemente voluto dal club per via dell'allenatore, Mauricio Pochettino che lo ha allenato dal gennaio 2010 al giugno del 2011 all' Espanyol. Il trasferimento è stato gradito anche dal giocatore, che ha più volte fatto intendere di non essere felice nella capitale a causa dei dissidi avuti con la tifoseria giallorossa: «Avevo voglia di provare un'esperienza all'estero, credo sia stata la scelta più giusta per me. In Inghilterra sono felice, mi trovo bene coi nuovi compagni e la nuova società. Mi devo ancora adattare, e fare gol, ma sono più che soddisfatto della mia scelta». Osvaldo sceglie di indossare la maglia numero 17.[48]

Il 24 agosto esordisce con la maglia del Southampton, subendo anche un'ammonizione, nel pareggio casalingo per 1-1 contro il Sunderland. Segna il suo primo gol con la nuova squadra il 28 settembre 2013 contro il Crystal Palace inPremier League. Il 3 gennaio 2014 viene squalificato per tre giornate e riceve una multa di 40 sterline per essere intervenuto nella rissa scoppiata al 94' della gara tra Southampton e Newcastle. Il 23 gennaio seguente, invece, viene sospeso per due settimane dal Southampton a causa di una lite scaturita tra lui e il compagno José Fonte. Al termine dello scontro, Josè Fonte ha riportato gravi lesioni sulla faccia. Conclude, così, in anticipo la sua esperienza al Southampton, dopo aver segnato 3 gol in 13 presenze.

Juventus

Il 31 gennaio 2014 torna in Italia, passando alla Juventus in prestito semestrale (con diritto di riscatto fissato a 18 milioni di euro, pagabili in tre anni); decide di indossare la maglia numero 18. Esordisce in maglia bianconera il 9 febbraio seguente, nel pareggio esterno 2-2 contro l'Hellas Verona. La sua prima rete in maglia bianconera arriva il 20 dello stesso mese, aprendo le marcature nel 2-0 del club torinese al Trabzonspor, nella partita di andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Il 4 maggio 2014, grazie alla vittoria del Catania sulla Roma, arriva la conquista del primo scudettopersonale per Osvaldo. L'11 maggio segna ai giallorossi, sua ex squadra, il gol della vittoria juventina, l'unico in campionato in maglia bianconera. A fine stagione, la Juventus decide di non esercitare il diritto di riscatto.

Inter

 
Osvaldo nel 2014, durante un allenamento con l'Inter

Il 6 agosto 2014 si trasferisce all'Inter in prestito annuale (con diritto di riscatto fissato a 7 milioni di euro, pagabili in tre anni) esordendo nella vittoriosa trasferta 0-3 sul campo dello Stjarnan, gara di play-off dell'Europa League; segna poi il primo gol in nerazzurro nella partita di ritorno, vinta per 6-0 dai meneghini. Il 14 settembre, nella seconda giornata di campionato, realizza una doppietta al Sassuolo nell'incontro vinto per 7-0. Il 27 novembre il suo gol del 2-1 al Dnipro, nella fase a gironi di Europa League, decide la qualificazione dell'Inter ai sedicesimi di finale con un turno d'anticipo.

Nazionale

Nazionali giovanili

In possesso della cittadinanza italiana per via dei suoi avi originari di Filottrano, nella provincia anconitana, Osvaldo ha deciso di giocare per l'Italia.

Convocato in Nazionale Under-21 dal CT Pierluigi Casiraghi, ha debuttato il 16 novembre 2007 in Italia-Azerbaigian (5-0), sfida valida per le qualificazioni all'Europeo Under-21 2009. Il 5 febbraio 2008 realizza un gol nella partita amichevole Italia-Olanda (2-1) giocata con formazioni Under-23 in preparazione delle Olimpiadi.

Con la Nazionale Olimpica partecipa al Torneo di Tolone 2008 nel quale, il 29 maggio 2008, realizza il gol decisivo nella finale vinta 1-0 contro il Cile.

Nazionale maggiore

Il 5 ottobre 2011 riceve la sua prima convocazione da parte della Nazionale italiana, chiamato dal commissario tecnicoCesare Prandelli in sostituzione degli infortunati Mario Balotelli e Giampaolo Pazzini, per le ultime due partite delle qualificazioni all'Europeo 2012. Esordisce in Nazionale l'11 ottobre 2011, a 25 anni, entrando al posto di Cassano nel secondo tempo della partita contro l'Irlanda del Nord (3-0) disputata a Pescara. Debutta da titolare il 15 novembre successivo a Roma contro l'Uruguay (0-1).

 
Il Presidente della RepubblicaGiorgio Napolitano con Pablo Daniel Osvaldo e il commissario tecnico della nazionale italiana Cesare Prandelli

Il 7 settembre 2012 parte da titolare nella partita di qualificazione al Mondiale 2014contro la Bulgaria, segnando una doppietta (primi gol azzurri per lui) nel 2-2 finale. Un oriundo è tornato a segnare due reti a cinquant'anni di distanza: l'ultimo fu José Altafini. Segna il secondo gol in azzurro, sempre nelle qualificazioni ai mondiali, il 12 ottobre, nella gara vinta 3-1 contro l'Armenia. Il 16 ottobre 2012, a San Siro, contro la Danimarca nella partita valida per le qualificazioni al Mondiale 2014, viene espulso per una manata in faccia al danese Nicolai Stokholm, pochi secondi dopo l'inizio della ripresa. Inoltre, a causa del suo comportamento nella finale di Coppa Italia, perde la possibilità di essere convocato per la Confederations Cup 2013. Ritorna in Nazionale nell'amichevole contro l'Argentina disputata allo stadio Olimpico di Roma, finita 2-1 per i sudamericani. A quasi un anno di distanza, ritrova il gol in nazionale nella gara contro la Danimarca dell'11 ottobre 2013 (2-2); nella stessa gara, nel recupero del secondo tempo, propizia il pareggio per l'Italia calciando verso la porta e colpendo il compagno Alberto Aquilani che, quasi involontariamente, devia in porta. Nonostante le continue convocazioni durante tutto il biennio 2013-2014, il CT Prandelli non lo inserisce nella lista dei convocati per il mondiale 2014.

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 7 dicembre 2014.

StagioneSquadraCampionatoCoppe nazionaliCoppe continentaliAltre coppeTotale
CompPresRetiCompPresRetiCompPresRetiCompPresRetiPresReti
2005 Argentina Huracán PBN 33 11 - - - - - - - - - 33 11
gen.-giu. 2006 Italia Atalanta B 3 1 CI - - - - - - - - 3 1
2006-2007 Italia Lecce B 31 8 CI 1 0 - - - - - - 32 8
2007-2008 Italia Fiorentina A 13 5 CI 4 0 CU 8 1 - - - 25 6
2008-gen. 2009 A 8 0 CI 0 0 UCL 5[75] 0 - - - 13 0
Totale Fiorentina215 40 131   386
gen.-giu. 2009 Italia Bologna A 12 0 CI - - - - - - - - 12 0
2009-gen. 2010 A 13 3 CI 1 0 - - - - - - 14 3
Totale Bologna253 10      263
gen.-giu. 2010 Spagna Espanyol PD 20 7 CR 1 1 - - - - - - 21 8
2010-2011 PD 24 13 CR 2 1 - - - - - - 26 14
Totale Espanyol4420 32      4722
2011-2012 Italia Roma A 26 11 CI 0 0 UEL - - - - - 26 11
2012-2013 A 29 16 CI 2 1 - - - - - - 31 17
Totale Roma5527 21      5728
2013-gen. 2014 Inghilterra Southampton PL 13 3 FACup+CdL 0+0 0 - - - - - - 13 3
gen.-giu. 2014 Italia Juventus A 11 1 CI - - UEL 7 2 - - - 18 3
2014-2015 Italia Inter A 10 5 CI 0 0 UEL 6[76] 2[77] - - - 16 7
Totale carriera24684 113 265   28392

Cronologia presenze e reti in Nazionale

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
DataCittàIn casaRisultatoOspitiCompetizioneRetiNote
Totale Presenze14 Reti4 
11-10-2011 Pescara Italia Italia 3 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 2012 - Ingresso al 56’ 56’
15-11-2011 Roma Italia Italia 0 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole - Uscita al 65’ 65’
7-9-2012 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 2014 2  
11-9-2012 Modena Italia Italia 2 – 0 Malta Malta Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 69’ 69’
12-10-2012 Jerevan Armenia Armenia 1 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 2014 1  
16-10-2012 Milano Italia Italia 3 – 1 Danimarca Danimarca Qual. Mondiali 2014 - Yellow card.svgYellow card.svgRed card.svg 45’, 46’
6-2-2013 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
21-3-2013 Ginevra Italia Italia 2 – 2 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 46’ 46’
14-8-2013 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole -  
10-9-2013 Torino Italia Italia 2 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 46’ 46’
11-10-2013 Copenaghen Danimarca Danimarca 2 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 2014 1  
15-10-2013 Napoli Italia Italia 2 – 2 Armenia Armenia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 54’ 54’
15-11-2013 Milano Italia Italia 1 – 1 Germania Germania Amichevole - Uscita al 53’ 53’
5-3-2014 Madrid Spagna Spagna 1 – 0 Italia Italia Amichevole - Uscita al 69’ 69’

Palmarès

Club

Competizioni nazionali

Atalanta: 2005-2006
Juventus: 2013-2014

Nazionale

2008
Pagina creata da Carri01

È probabile che questo articolo contenga materiale della Wikipedia questo materiale viene utilizzato in senso ai termini di licenza libera di documentazione GNU